Una non corretta igiene orale può portare nel lungo periodo a problemi anche seri, che vanno dall’alitosi alle carie, alla temibile perdita dei denti. Tuttavia, migliorare la propria igiene orale è un esercizio facile che comporta l’impegno di poco tempo. La vera chiave sta nella costanza con cui si ci prende cura dei propri denti.

Migliorare la propria igiene orale lavandosi regolarmente i denti in modo corretto

La prima cosa da fare per migliorare la propria igiene orale è lavarsi i denti regolarmente, almeno due volte al giorno e preferibilmente alla fine di ogni pasto. Lavarsi i denti significa però farlo correttamente. Una sciacquata veloce alla bocca, solo per rinfrescarla, non significa lavarsi bene i denti. L’operazione deve essere fatta con accuratezza e richiede non meno di due minuti di tempo. Si può usare un normale spazzolino o quello elettrico, indifferentemente. La scelta delle setole dello spazzolino, morbide o rigide, dipende dalla sensibilità delle vostre gengive e potete chiedere consiglio al dentista. Importante è anche l’uso di un dentifricio che deve contenere fluoro.
Nel procedere a lavarsi i denti, essenziale è farlo con un movimento che non sia verticale (da destra verso sinistra o viceversa), ma orizzontale: dall’alto verso il basso per l’arcata superiore e dal basso verso l’alto per l’arcata inferiore. I denti vanno lavati anche nella parte posteriore e con un po’ di pazienza anche nelle aree non facilmente raggiungibili. Infine, potete lavare la lingua con un movimento che va dal fondo della lingua alla sua punta. In questo modo sarete sicuri di aver eliminato dalla bocca tutti i residui di cibo, la placca batterica e il tartaro. Un’ultima buona prassi riguarda il cambio dello spazzolino che deve avvenire ogni tre mesi.

Il filo interdentale e il collutorio per migliorare l’igiene orale 

Lavare i denti è una condizione necessaria ma non sufficiente per migliorare la propria igiene orale. Oltre allo spazzolino va infatti adoperato il filo interdentale. La sera, prima di lavarsi i denti, il filo interdentale permette di rimuovere a fondo tutti i residui di cibo presenti tra i denti, anche laddove lo spazzolino non arriva. Altro prodotto utile, soprattutto per combattere l’alitosi, è il collutorio. Il suo utilizzo periodico, anche solo un paio di volte a settimana, aiuta a mantenere l’igiene orale e a previene il riformarsi della placca, oltre che a rinfrescare l’alito.

Una pulizia dei denti professionale per completare l’igiene orale

L’uso regolare e corretto di spazzolino, filo interdentale e collutorio è essenziale per mantenere una costante igiene orale dei denti. Tuttavia, per completare il ciclo, è buona prassi recarsi dal dentista almeno una volta all’anno per un controllo e per una pulizia professionale dei denti. Nonostante le nostre accortezze, infatti, solo una pulizia dei denti fatta da una specialista può rimuovere totalmente placca e tartaro. Il controllo di routine, inoltre, permetterà di verificare che non stiano sorgendo problemi come carie, parodontiti o altro, e nel caso intervenire in tempo con la giusta prevenzione